Gràgàs

Cliath del branco "Stormwalkers"

Description:

Get of Fenris – Philodox – Lupus
Ispido pelo corto, quasi bianco, che lascia spazio al nordico biondo in forma umana. Le cicatrici molto estese sul braccio sinistro e la parte del costato mancante, su cui sono impressi indelebilmente segni ancora più evidenti di battaglia, non riescono a distrarre l’attenzione dal viso mezzo scarnificato che rende quasi metà della sua testa un teschio.

Bio:

Non solo gli spiriti legati a Gaia erano al corrente della sua futura muta, ma i Black Spiral non avevano fatto bene i conti col bizzarro legame di questi al fratello di Gràgas, Orecchio-Bagnato. Forse per qualche forma di devozione, forse per paura di ritorsioni o magari solo per qualche paranoico patto stretto col teurgo, gli spiriti diedero informazioni svianti sulla fase lunare che avrebbe segnato la nascita del nuovo licantropo. Cogliendo impreparato il suo sequestratore, il primo giorno di una mezza luna calante (anziché di falce) di tre anni fa, un giovanissimo lupus versò il suo primo sangue. La furibonda battaglia lasciò indelebili segni sul philodox che, non fosse stato in berserk per la prima muta, avrebbe certamente concluso con una sconfitta la sua lotta per la vita. Quando, ripresi i sensi, tornò al Caern tra i suoi simili, non è chiaro se causò più stupore per le sue menomazioni o per il potente martello da guerra che aveva recuperato. Chi aveva buona conoscenza del fratello o del padre, Pioggia Invernale, si stupì poco di uno e dell’altro. Il suo nome deriva dal fatto che le sue prima parole umane riguardo il fatto che “Gaia l’avesse reclutato” ricalcassero quelle dell’omonimo antico testo di leggi islandesi.

Gràgàs

Licantropi: l'Apocalisse - Il tramonto di un'era fabiobrusa